Archivi tag: Studenti in stazione

Scarpe chiuse, devo andare

Sfrontatamente appoggiata con un gomito alla ringhiera, guarda i pendolari con aria di supponenza giovanile sfidando il mondo a metterla alla prova. Già alle sette di mattino la ragazza è pronta alla lite, ma basta che si accorga di essere … Continua a leggere

Pubblicato in Ritratti, Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 22 commenti

L’attesa siede

Non è l’assenza di panchine che siede per terra. È lo stare al margine. Dell’età adulta o della società. O solo lo stare comodi nell’attesa del treno. Anche.

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 13 commenti

Pendo-lessico studentesco

Gli studenti pendolari dal sottopasso sbucano in branco a brucare sulla banchina: si nutrono di eccessi. Goffamente indelicati si avvicinano l’un l’altro a sfogare ore di sedute tra i banchi (che al mattino sono più pacati). Raggiungono i compagni a … Continua a leggere

Pubblicato in Ritratti, Storie di banchina | Contrassegnato , , , , | 15 commenti

Assenze

Manca qualcosa in stazione. La percezione di un’assenza può essere forte, ma non immediatamente identificabile. Così nell’intontimento primaverile che non ha sfogo, che non può adattarsi a un caldo intermittente, parte la mappatura della stazione in stile Street View di … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , | 23 commenti

Pudori generazionali

   S’abbracciano i ragazzi sulla panchina. Quella del primo binario.  Abbandonate borsa e giacca ad occupare il posto della seduta, si accascia lei sulle ginocchia di lui e gli si avvinghia e si lasci cullare. Indifferenti i due alla presenza … Continua a leggere

Pubblicato in Ritratti, Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 17 commenti

Rintocchi di crescita ferroviaria

   Mostrine rosse d’un grado militare a me ignoto, che non li ho mai capiti nè imparati. Pantaloni scuri e camicia bianca di divisa, il logo d’un aviation college sulla manica. Il ragazzino, pendolare nell’ora del mio rientro, mi ha … Continua a leggere

Pubblicato in Ritratti, Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 23 commenti

Un treno di rose

Studenti, scendendo dal treno di primo mattino, portano rose. Le tengono storte, quasi nascoste. Studentesse, a fine lezione entrando in stazione, portano rose. Le tengono dritte, impettite, felici.

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , | 18 commenti

Oscillazioni

Seduta in punta di panchina ha un ché di marziale nella sua composta rigidità. Schiena dritta, spalle allineate, gambe unite. Una lunga, bionda coda di cavallo, trattiene i capelli così stretti e composti da sembrare incollati. Tutto in lei trasmette … Continua a leggere

Pubblicato in Ritratti, Storie di banchina | Contrassegnato , | 18 commenti

L’inciampo

Arrivano in coppia sul binario uno ovest, dove il treno locale ogni giorno carica e scarica orde di ragazzi della scuole superiori, pendolari in erba tra provincia e città. Zaino in spalla, jeans, maglione e giacca da mezza stagione avanzata: … Continua a leggere

Pubblicato in Storie di banchina | Contrassegnato , , , | 24 commenti