I cammelli

I cammelli manifestoI cammelli. Film italiano del 1988 diretto da Giuseppe Bertolucci.

  • Soggetto: Giuseppe Bertolucci e Vincenzo Cerami
  • Sceneggiatura: Giuseppe Bertolucci e Vincenzo Cerami
  • Fotografia: Fabio Cianchetti
  • Montaggio: Nino Baragli
  • Musiche: Nicola Piovani
  • Scenografia: Paolo Biagetti

Il film inizia e finisce nello stesso posto e nello stesso modo, con una fuga nell’inventata stazione di Segreto. Tutto il film, strutturato in due episodi, ha come tema centrale la fuga, il cambiamento e quale luogo può rappresentarlo meglio di una stazione, posto deputato al viaggio, allo spostamento (anche simbolico, verso una nuova vita). Il primo episodio è picaresco e surreale, il secondo è un claustrofobico gioco al massacro in uno scompartimento di un treno. E anche il lieto fine può sembrare un paradosso. Nel primo episodio Abatantuono prevale sugli altri interpreti, e la satira prende di mira il lato più degradato del mondo dello spettacolo. Nel secondo di Paolo Rossi spicca per la sua tenerezza vulnerabile e l’oggetto di critica satirica è l’angustia morale della borghesia. Sabina Guzzanti, sebbene in una parte secondaria, lascia il segno e Caludio Bisio, ancora sconosciuto, regala una piccola perla per i suoi estimatori. Un film da vedere.

Trama

Una sgangherata compagnia guidata da Camillo, un impresario cialtrone e senza scrupoli, porta in giro per la bassa padana su un malandato cammello Ferruccio Ferri, esperto in cammelli e in procinto di vincere 500 milioni nel quiz Chi ne sa di più?. La meta è appunto Milano ma durante il tragitto, l’impresario presenta il “campione” del telequiz ad ogni sagra paesana o festa di fabbrica. Ferruccio, però, è stanco di essere trascinato da un posto all’altro come un’attrazione da baraccone e tenta ripetutamente la fuga, finché Camillo, prossimo alla bancarotta ed esasperato per le continue difficoltà, decide di sciogliere la compagnia e liberare dal contratto il campione del quiz. Ferruccio, rimasto solo, si presenta al gioco a premi, ma, inopinatamente, cade sulla domanda decisiva e vede sfumare la vincita dei 500 milioni, sebbene faccia ricorso.

Nel secondo episodio, disegnato da Vincenzo Cerami, Ferruccio, sul treno che lo riporta a casa, a Carpi, incontra Anna che sta tentando, due giorni prima delle nozze, di abbandonare il fidanzato Pino e convincere i propri genitori che è innamorata di un altro. Ferruccio in una grottesca messa in scena deve fingere di essere l’amante di lei. Gioca la sua parte così bene che fa scappare Pino e fa innamorare Anna. Alla stazione di Segreto lo aspettano l’impresario e la televisione per annunciargli che il suo ricorso è stato accolto e la vincita al telequiz è sua. Ferruccio afferra l’assegno e scappa con Anna dalle nuove proposte dell’impresario.

Interpreti

  • Paolo Rossi: Ferruccio Ferri
  • Diego Abatantuono: Camillo
  • Giulia Boschi: Anna Moretti
  • Sabina Guzzanti: Miriam
  • Ennio Fantastichini: Pino, fidanzato di Anna
  • Laura Betti: mamma di Anna
  • Giancarlo Sbragia: padre di Anna
  • Claudio Bisio: benzinaio

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Il treno nei film e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a I cammelli

  1. ladonnacamell ha detto:

    Questo avrei dovuto vederlo e non l’ho visto 😉

    Mi piace

  2. Fabio ha detto:

    Non visto. Ma Piccioni e’ bravo. Alcuni suoi film (particolarmente “Luce dei miei occhi”) meritano davvero di essere visti.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...