L’enigmista

Non veste di verde come il suo omonimo della DC Comics, anzi, sceglie un outfit più classico, ammantandosi di nero e incappucciandosi persino. Eppure il mistero non è in lui, ma in quel punto interrogativo rivolto agli altri. Che rifletta un personale stato d’animo o un messaggio al mondo, un punto di domanda su una shopper non ha la banalità della scelta casuale e chi la guarda non resta che interrogarsi. Su cosa è faccenda personale.

Pubblicato in Vite in viaggio | Contrassegnato , , , , | 18 commenti

Lettrice con piacere

Gabriela D’Annunzio. Il piacere. Mondadori.

Di nuovo grazie della foto a Ammennicolidipensiero

Pubblicato in Vita da Pendolante | Contrassegnato , , , , , , | 20 commenti

I terrapiattisti non pagano il treno

I Terrapiattisti non sono persone che si divertono a infrangere piatti per terra. Così fosse si applicherebbero in uno sfogo giocoso un po’ stupido, ma innocente. I Terrapiattisti sono un movimento che sostiene che la Terra non è rotonda ma piatta e che Galileo ci abbia menati tutti per il naso.

A ognuno le proprie convinzioni, ma quando queste vengono usate per non pagare il biglietto del treno, causando un’ora di ritardo e l’arrivo dei carabinieri, allora scatta la denuncia. I quattro che a Pavia sono stati protagonisti di questo sipario si sono così difesi:

Siamo soggetti di diritto internazionale pregiuridico, siamo ambasciatori fuori da ogni giurisdizione e siamo “Stati” di noi stessi. Questo vostro controllo è un attacco a uno Stato libero perseguibile dalla corte mondiale“.

Che dire? Quando si arriva a certe vette non si può che ammutolire.

Qui l’articolo de La Repubblica

Pubblicato in Insalubri Pendolanti, Vita da Pendolante | Contrassegnato , , , | 24 commenti

Lettrice con Cime

Emily Brönte. Cime tempestose. Gli indimenticabili – Famiglia cristiana.

Foto di Ammennicolidipensiero.

Pubblicato in Libri in treno | Contrassegnato , , , , , , | 14 commenti

4 motivi per cambiare posto

Cambiare posto a sedere dopo averlo scelto, magari accaparrandoselo in gara con altri pendolari, è sempre l’ultima delle opzioni considerate. Se il sole acceca, si tira la tendina, se il dirimpettaio ha gambe troppo lunghe si sperimentano posizioni yoga, se il vicino ingombra di stazza o di bagaglio si accetta una leggera invasione dei propri spazi, se dagli auricolari di un viaggiatore escono decibel di bassi e batteria ci si può sempre nascondere dietro musica propria.

Ci sono casi però in cui l’unica soluzione possibile è alzarsi e andarsene, palesando l’evidente fastidio, a costo di far spostare tre paia di gambe, scavalcare bagagli, rimanere in piedi per il resto del viaggio.

Se il tuo vicino:

  • Biascica chewing gum a bocca aperta con produzione continua di palloncini e successivo risucchio una volta esplosi;
  • Ha in corso una gara di urla telefoniche con l’amico/parente in una conversazione che l’intera tratta non basterà a esaurire;
  • Non lava la sua persona o i i vestiti che indossa dai tempi del duca Passerino [al tèimp del dòcca Pasarèin*];
  • Vuole intavolare un dibattito su qualunque argomento di attualità e tutto rigorosamente con la competenza necessaria a ordinare un caffè al bancone del bar sport.

Per tutto il resto il Pendolare è animale tollerante.

* dialetto modenese

Pubblicato in Insalubri Pendolanti, Vita da Pendolante | Contrassegnato , , , | 29 commenti

Lettrice con D

D – la Repubblica delle donne. Magazine allegato al quotidiano la Repubblica, in edicola il sabato.

Pubblicato in Libri in treno | Contrassegnato , , , , | 8 commenti

Lettore con le armi

Robert B. Cialdini. Le armi della persuasione. Come e perché si finisce col dire di si. Giunti

Pubblicato in Libri in treno | Contrassegnato , , , , | 19 commenti

Arlecchino fuori

Arlecchino fuori tempo, fuori luogo, fuori da ogni imbarazzo, fuori dai canoni della maschera classica.

Pubblicato in Fotografia ferroviaria | Contrassegnato , , | 23 commenti

Scale in salita

Le scale che portano al binario dal sottopassaggio sono teatro di varia umanità. C’è chi le sale solo, chi in compagnia, chi con bagaglio e chi senza, chi resta al centro, chi a lato. Quelli che salgono dritti, mantengo il baricentro e quelli che ondeggiano, barcollano, si piegano. Chi arriva a metà e poi scende, chi si regge al corrimano e chi no, chi tiene le mani in tasca e chi con le braccia si dà la spinta. Quelli che fanno due scalini alla volta e quelli che faticano a farne uno, chi sale con calma e chi correndo, chi proprio non ne ha voglia e chi non vede l’ora. Tutti alla fine arrivano in cima ad aspettare un treno che li porterà altrove.

 

Pubblicato in Uncategorized | 31 commenti

Lettori di AdP 2

Daniel Kahneman. Thinking, Fast and Slow. Penguin Books

David Nicholls. Us: A Novel. Paperback

Di nuovo Ammennicolidipensiero mi manda immagini dalla sua tratta ferroviaria. Stavolta lettori in lingua inglese.

Pubblicato in Libri in treno | Contrassegnato , , , , , , , , | 23 commenti