Notturno in stazione

image

Il dopolavoro ferroviario è lì, a due passi dalla stazione. Un bar, una mensa, un cinema: Il Filmstudio 7B, un tempo meta quasi settimanale delle mie serate d’essai con gli amici. Ritrovarlo dopo tanti anni di latitanza, pare strano ora che la stazione la frequento quotidianamente, solo di giorno. Un dopocena, ancora avventori al piccolo self service: giacche da capotreno appese agli attaccapanni e borse di servizio sulle sedie, in attesa di salire su un altro treno o tornare a casa. Una piccola folla si raduna all’entrata del cinema, mescolandosi con gli avventori notturni, strani personaggi, del piccolo bar.
Alla biglietteria del cinema un cartello annuncia sconti per il personale delle Ferrovie e per un attimo ho la tentazione di chiedere se vale anche per i pendolari, ma mi evito la pena. Sebastião Salgado appare sul piccolo schermo. Contempla e fotografa un paesaggio brasiliano in bianco e nero in sequenze d’una bellezza mozzafiato dirette da Wim Wenders. E mentre Il sale della terra scorre a documentare una vita, un fotografo, le sue immagini, i treni passano vicini, sui binari e il fragore di rotaie si mescola attutito alla voce narrante amplificando il surreale smarrimento di una storia e di un uomo eccezionale e di sua moglie Leila.
image
All’uscita, mentre il pubblico si smarrisce nel parcheggio, salgo le scale esterne della palazzina a godere di un’insolita vista, dall’alto, dei binari bui. Sarà una malattia? Il bar è chiuso, nemmeno un distributore. Quattro passi a placare la sete in stazione, acqua dal frigo fai da te. Ancora viaggiatori al bancone, avventori occasionali e una fauna notturna, abitanti di un luogo di frontiera, tra l’andare, il venire, il restare. Insolito il passare dall’entrata principale, io che ogni giorno vado ai binari dal parcheggio “di servizio”, quello sul retro, destinato a chi è di casa, non agli ospiti occasionali. Ma in una notte speciale guardo la signora Stazione vestita da sera, agghindata di luci che nascondono ombre, spalmata d’un cerone da palcoscenico che certo, è solo la facciata, ma fa la sua figura e si lascia ammirare, strappando un applauso alla carriera.
image

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Il treno nei film, Vita da Pendolante e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Notturno in stazione

  1. vagoneidiota ha detto:

    Meraviglioso sogno.
    Etereo, giallo, notturno, silenzioso.
    The magician – (Darius remix) sunlight feat. Years & amp.

    "Mi piace"

  2. stravagaria ha detto:

    I luoghi in orari inusuali sono come le persone quando le strappi dal contesto…come la cassiera del supermercato che stenti a riconoscere incontrandola per la strada. Che pensieri strani mi fai venire, tu e le tue belle suggestioni in notturna 😉

    "Mi piace"

  3. tiptoetoyourroom ha detto:

    Che bel quadro, complimenti. I luoghi notturni e la vita che li anima sono sempre ricchi di fascino e mistero e suggestioni. Mi è venuta voglia di venire a farci un giro… 🙂

    "Mi piace"

  4. quanta bellezza. dopo la recensione di redpoz e la tua atmosfera d’essai, mi manca solo di vederlo, quel film, mannaggia!

    "Mi piace"

  5. tiZ ha detto:

    malinconica ed eterna..

    "Mi piace"

  6. Bratinez ha detto:

    Ma che bellezza questo racconto! Trovo che la sensazione che descrivi sia simile a quando frequenti un locale, sei un habitué, e hai la confidenza degli spazi che i normali clienti non hanno, seppur non la stessa del cameriere o del barista. Quel posto in cui sentirti un po’ a casa anche se non è tuo. Boh.

    "Mi piace"

  7. Miss Fletcher ha detto:

    La signora Stazione agghindata da sera è proprio un bello spettacolo, scenario perfetto per queste suggestioni notturne, sono riuscita anche a immaginare la colonna sonora, grazie a te!
    Bello, bello.

    "Mi piace"

  8. pani ha detto:

    il film di Wenders”
    Proprio quello che devo andare a vedere, se lo trovo in giro

    "Mi piace"

  9. Tratto d'unione ha detto:

    Questo film devo assolutamente vederlo! Grazie per la segnalazione

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...