Il treno nei libri: Il treno [2 agosto 1980]

  Andrea Laprovitera, disegni di Andrea Vivaldo. Il treno. Rizzoli-Lizard, 2010. Con un’intervista a Paolo Bolognesi.

Una Graphic Novel che racconta la strage alla stazione di Bologna attraverso la storia di tre ragazzi che parte dal 1968 per arrivare a quel 2 agosto 1980. Scrive l’autore dei testi, Andrea Laprovitera:

Perché è la Storia che li conduca dal “passato” delle contestazioni studentesche, degli scontri e delle passioni, al “presente” della tragedia che questo libro è nato per commemorare, attraverso un viaggio tra tempi e luoghi che vari flashback hanno tentato di unire: la “partenza” e “l’arrivo” di un decennio di vita di questo Paese, quello comprendente i tristemente noti “anni di piombo”.

  

Il caos e la casualità sembrano dominare questa storia, ma quell 2 agosto non era un giorno qualsiasi. era un sabato ed era estate, famiglie che partivano per le vacanze, operai che tornavano qualche settimana dai cari al sud, dopo un anno passato a lavorare tra grandi sacrifici… È una data scelta con l’intenzione scientifica e pianificata di fare più morti possibile. […] Non c’è stato un matto che si è svegliato il primo agosto con l’idea di mettere una bomba il giorno dopo. L’evento rientra in un crescendo terroristico di strategia della tensione lungo quindici anni e meticolosamante pianificato e teorizzato nel 1965, al convegno del Parco dei Principi.
La strage di Bologna ha reso tutte le nostre vite più povere.

[Dall’intervista a Paolo Bolognesi, Presidente dell’Associazione tra i parenti delle vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980.]

Annunci

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Fumetti ferroviari, Il treno nei film e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Il treno nei libri: Il treno [2 agosto 1980]

  1. Affy ha detto:

    2 agosto: una data impossibile da dimenticare.
    Grazie per aver segnalato questo libro che farà parte delle letture nelle mie vacanze.
    Un abbraccio da Affy 🙂

    Mi piace

  2. Segnato. Io ero bambina ma in parte l’atmosfera pesante di quegli anni la ricordo, cominciavo proprio allora a prenderne coscienza, pur in piccola misura

    Mi piace

  3. rientra in quindici anni di pianificazione e non contiamo più quanti di silenzio

    Mi piace

  4. Miss Fletcher ha detto:

    Una data che non si può dimenticare.
    Il libro non lo conosco però mi sembra un modo intelligente di presentare questa tragedia italiana.

    Mi piace

  5. Guido Sperandio ha detto:

    Dalle stragi nazi-fasciste a Bologna a oggi, vedi ISIS, Iraq, Siria, per non parlare di qualche tempo fa, i Tutsu, e Pot Nol, e più indietro degli Armeni… non c’è un’epoca, una, innocente.
    Ricordarne una, Bologna – ok, dico – ma per ricordarle tutte e, sopratutto, per sapere riconoscere in tempo quelle sorgenti nuove, perchè ogni sterminio nasce camuffato e ingannatore e quando si rivela putrtoppo è tardi.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...