Interviste Pendolanti: Osservando i Mezzinudi

Marson_FabioL’intervista di oggi ci porta in giro sui mezzi pubblici della capitale e delle ferrovie dello Stato, attraverso gli occhi divertiti – forse – ma certo divertenti di Skaiosgaio, autore del blog Mezzinudi. L’italia raccontata dai mezzi pubblici. 

Da dove viene il tuo nickname?

E’ una storia lunga e appassionante. No, in realtà non così lunga e non è nemmeno appassionante. Nell’antichità avevo un blog su giovani.it (esiste ancora!). Essendo molto giovane e molto scemo, mi ero imposto un nickname divertente. Per questo motivo, senza motivo, scelsi skaiosgaio. In triestino, lo “scaio” è l’ascella, mentre “sgaio” significa “in gamba”. Quindi, letteralmente, sarebbe “ascella in gamba”. Era un motivo di rima. E comunque l’avevo detto che non era una storia appassionante.

 Come nasce il tuo blog?

Vivo a Roma da 3 anni. Venendo da Trieste, il mondo del trasporto pubblico capitolino è stato uno shock per me. Autobus stracolmi di gente, risse alle fermate, scioperi e doppi scioperi, tram che si spezzano sulla tua testa (davvero: A riveder le stelle) e così via. Un pomeriggio, stremato dall’estremo viaggio sotto una selva di ascelle sudate, ho pensato a questo: o descrivo questo mondo o compio un attentato. Così è nato MEZZINUDI – L’Italia raccontata dai mezzi pubblici. A tal proposito, ho trovato il vecchio nick Skaiosgaio incredibilmente a tema.

Perché e come prendi il treno?

Il treno lo prendo per tornare a Trieste o per andare a salutare altri triestini sparsi per l’Italia. Noi del Nord-Est, malgrado quello che si pensa in giro, stiamo tutti salpando per altri lidi. Questione di sopravvivenza.

 Come passi il tempo sul treno?

Guardo fuori dal finestrino, come fanno i cani. Poi leggo molto, ascolto musica, mi vedo una puntata di qualche serie televisiva o…guardo le persone!

Se leggi, qual è Il miglior libro da treno?

Quello che attira di meno il logorroico che viaggia al tuo fianco. Oppure no?

Cosa attrae maggiormente la tua attenzione negli altri pendolari/viaggiatori?

Parto dai dettagli. Un tatuaggio, un oggetto, un accostamento bizzarro di vestiti. Da lì mi metto a osservare finché non trovo il lato interessante da raccontare.

C’è però anche da dire che a Roma spesso non serve un grande spirito d’osservazione. Sui mezzi pubblici ci sono discussioni accese o personaggi così strani da richiamare subito la tua attenzione. Una volta, ad esempio, ho assistito a un interessante incontro tra un giovane tossicodipendente e un signore che era riuscito a smettere. Quest’ultimo gli faceva forza, gli diceva che ce la poteva fare. Il tutto in un romanesco colorito come solo a Centocelle. (lo trovi qui: Sudare fa bene)

Come influisce il pendolarismo/viaggio in treno sulla tua vita?

Come scrittore, è un esercizio continuo. Spesso sui mezzi succede “troppo”. Saper individuare il nocciolo del racconto non è facile, ci vuole esercizio. Come italiano, mi pone infiniti spunti di riflessione. Credo che sui mezzi si trovi una buona rappresentanza del nostro Paese. Voglio essere brutale ma sincero: viviamo in un paese ignorante, abitato da (molti) ignoranti. E non solo: noi italiani siamo individualisti. Da sempre. La nostra classe politica marcia (che è solo una parte, ma consistente) è, paradossalmente, una sincera rappresentanza degli italiani. Come essere umano, viaggiare sui mezzi può essere germoglio di arricchimento personale. E una continua sfida a superare stereotipi e pregiudizi. Il problema sorge quando qualcosa te li conferma, i pregiudizi!

Se non scrivessi di pendolarismo, scriveresti ugualmente?

Scrivo sempre. Scrivo sceneggiature, su riviste e per i fatti miei. Scriverei ugualmente e scriverò sempre. Ma scrivere di mezzi pubblici è divertente e terapeutico!

Le altre Interviste Pendolanti:

 

Informazioni su Pendolante

Pendolo dal 14 dicembre 2004. Per fare 43 km mi accontento di un’ora e tre mezzi di trasporto. Sono e faccio molte cose, ma qui sono solo una Pendolate. (Photos by Filippo Maria Fabbri)
Questa voce è stata pubblicata in Interviste Pendolanti, Pendolari on-line e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

17 risposte a Interviste Pendolanti: Osservando i Mezzinudi

  1. Miss Fletcher ha detto:

    Ah, le tue interviste pendolanti sono fantastiche e lui è davvero simpatico, ora andrò a scoprire questo nuovo blog!
    Grazie cara, buona serata a te!
    Oggi ero alla stazione di Nervi che ha i binari davanti al mare e mi siete venute in mente tu e Pendolo 😉

    "Mi piace"

  2. stravagaria ha detto:

    Queste interviste mi hanno fatto scoprire dei blog veramente interessanti e ciascuno ha un punto di vista curioso ed unico. Una rubrica che mi piace molto 🙂

    "Mi piace"

  3. Pingback: Interviste Pendolanti: L’AzzeccaGarbugli | Pendolante

  4. Pingback: Interviste Pendolanti: a Bassa Velocità | Pendolante

  5. Pingback: Interviste Pendolanti: Viaggiatore statico | Pendolante

  6. Pingback: Interviste Pendolanti: Diario di una pendolare partenopea | Pendolante

  7. Pingback: Interviste pendolanti: Diario di un lettore pendolare | Pendolante

  8. Pingback: Interviste pendolanti: LaPendolare | Pendolante

  9. Pingback: Interviste pendolanti: Pendolare marittima | Pendolante

  10. Pingback: Interviste pendolanti: FIFM – Fatevi I Fatti Miei | Pendolante

  11. Pingback: Interviste Pendolanti: I bookwatcher di Libri in metro | Pendolante

  12. Pingback: Interviste pendolanti: I pensieri di una pendolare | Pendolante

  13. Pingback: Interviste Pendolanti: la filosofa del Pendolaresimo | Pendolante

  14. Pingback: Interviste Pendolanti: IlPasseggero 8B | Pendolante

  15. Pingback: Interviste pendolanti: Storie di andata e ritorno | Pendolante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...